Movie of the day – AMORES PERROS (Iñárritu, 2000)


[youtube]http://youtu.be/RsWCsbowlo8[/youtube]

Sullo sfondo del Distrito Federal, la sterminata area metropolitana di Città del Messico con 21 milioni di abitanti, un incidente d'auto fa da collegamento fra 3 storie in ambienti sociali diversi cui corrispondono 3 registri stilistici differenti. Octavio tenta di scappare con Susana, sua cognata, portandosi dietro anche il cane Cofi che può servire per portare a casa qualche soldo in più. Daniel lascia la famiglia per iniziare una nuova vita con la modella Valeria che, nel giorno in cui dovrebbe cominciare a stare con lui, è vittima di un grave incidente. Lì sopraggiunge El Chivo, un ex guerrigliero comunista uscito dal carcere e abile sicario. L'uomo trova Cofi che sta morendo e lo porta con sé per guarirlo.

Amores perros è un film del 2000 diretto da Alejandro González Iñárritu ed è il primo capitolo della Trilogia sulla morte, seguito da 21 grammi e Babel.  Si tratta di un'opera prima molto dura in cui, come dichiara il regista, “è rappresentato tutto il peggio” di una megalopoli come Città del Messico. Il ritmo e l'intensità sul piano visivo sono sintetizzati da una regia che immerge lo spettatore immediatamente nell'azione. Egoismo, speranza e tradimento si fondono e confondono in un mélo sopra le righe. Le tre storie di Amores Perros sembrano molto distanti tra loro, accomunate solo da una cruda rappresentazione di legami personali corrotti o violenti tra amanti, fratelli, padri e figlie, mariti e mogli.

Lo splendido finale, con il padre che lascia un messaggio d’amore alla figlia che lo crede morto e lascia la città accompagnato dal cane, sono la perfetta conclusione per una rappresentazione della sofferenza insopportabile eppure necessaria delle relazioni umane. Questa è la vera anima del film, il senso ultimo che va oltre le singole storie e che ci consegna oltre due ore d

i cinema crudo, violento e doloroso.

In the background of the Distrito Federal, the Mexico City metropolitan area that counts 21 million inhabitants, a car accident is a link between 3 stories in different social environments, then described using 3 different stylistic registers. Octavio tries to escape with Susanna, his sister, carrying the dog Cofi, which may be useful to bring home some extra cash. Daniel leaves his family to start a new life with model Valeria, but on the day this should start, she is the victim of a serious car accident. Here comes El Chivo, a former communist guerrilla released from prison and a clever assassin. The man finds Cofi dying and decides to heal and take care of him.
Amores Perros is a 2000 movie directed by Alejandro González Iñárritu and it’s the first chapter of a trilogy about death, followed by “21 Grams” and “Babel”. This is his first hard work, as the director says, “it represents all the worst” of a megalopolis like Mexico City. The visual pace and intensity are synthesized by a direction that plunges the viewer immediately into the action. Selfishness, hope and betrayal merge and mingle in a melodrama over the top. The three stories from Amores Perros seem very distant from each other, united only by a crude representation of corrupt or violent personal ties between lovers, brothers, fathers and daughters, husbands and wives.
The fabulous finale, with a father who leaves a love message to his daughter, who believes he’s dead and leave the city with his dog, are the perfect conclusion for a representation of unbearable suffering but yet necessary for human relations. That is the soul of the movie, the ultimate meaning that goes beyond individual stories and gives us more than two hours of a raw, violent and painful movie.

Fonti: MyMovie, Il Morandini, IMDb

zp8497586rq

La tua reazione?
Cute Cute
0
Cute
Geeky Geeky
0
Geeky
Grrrr Grrrr
0
Grrrr
Lol Lol
0
Lol
Love Love
0
Love
Omg Omg
0
Omg
Win Win
0
Win
Wtf Wtf
0
Wtf

Movie of the day – AMORES PERROS (Iñárritu, 2000)

Ne vuoi di più?
Seguici per rimanere sempre aggiornato!
Nascondi - Seguo già Ziqqurat

Login

Diventa parte della nostra community!

Resetta la tua password

Back to
Login