Movie of the day – L’ARTE DEL SOGNO (Gondry, ’06)


[youtube]http://youtu.be/onyVm_9uodo[/youtube]

L'arte del sogno (La Science des rêves) è un film italo-francese del 2006 diretto da Michel Gondry, con Gael García Bernal e Charlotte Gainsbourg.

Stephane è un messicano rimasto orfano del padre, deciso a tornare dalla madre, in Francia. Ad attenderlo, un lavoro alienante per un giovane creativo come lui, in una sorta di copisteria, gestita da personaggi alquanto bizzarri.

Spaesato, Stéphane si rifugia nella sua immaginazione e nei suoi sogni, conduce un programma televisivo dal suo cervello rielaborando la realtà secondo la propria fantasia, secondo la vera natura di tutti i personaggi che lo circondano.

Un giorno però conosce la sua vicina di pianerottolo, Stéphanie, con la passione per i giocattoli di pezza che cuce per hobby e se ne inmamora. Inizialmente, anche Stéphanie è travolta dall'estro di questo ragazzo straordinario, ma il suo comportamento strambo, causato in gran parte dalla confusione fra sogno e realtà, la confonde e l’allontana.

Si sa, in amore sogno e realtà non coincidono quasi mai e Stéphane, allora, decide di cercare la soluzione là dove il sogno e la fantasia predominano, per vivere un amore non corrisposto nella realtà: la corteggia in

sogno e da sveglio costruisce per lei pupazzi meccanici o improbabili macchine del tempo.

Dopo aver esplorato la mente umana in “Se mi lasci ti cancello” (Eternal Sunshine of the Spotless Mind), Michel Gondry torna dietro la macchina da presa con le sue visioni in “L'arte del sogno” e questa volta fa le cose a modo suo.

Ancora una volta il cervello il protagonista del suo cinema surreale. Il motore è il cuore, la pulsione amorosa è invece il combustibile che produce confusione e confonde i piani, passato-presente, sogno-realtà. Gondy, infatti, trasporta sullo schermo i suoi incredibili sogni, riuscendo a rapprasentarli in maniera pazzesca, tra cellophane, ovatta, cartoni di compensato, cartine di caramelle, macchine del tempo in grado di portarti avanti o indietro di solo un secondo, caschi celebrali, pupazzi di pezza meccanici. L'animazione della mente di Stéphane ricorda quegli ormai vecchi cartoni animati realizzati con la plastilina, con rotoli di carta igienica, carte di caramelle e scatole di uova. Il regista firma e gira dunque il suo film più personale e delicato e recupera l'elemento onirico lasciandolo libero di sconfinare nella realtà.

[youtube]http://youtu.be/jRoQhNS-3ys[/youtube]

Fonti: Wikipedia, MyMovies, Web

zp8497586rq

La tua reazione?
Cute Cute
0
Cute
Geeky Geeky
0
Geeky
Grrrr Grrrr
0
Grrrr
Lol Lol
0
Lol
Love Love
0
Love
Omg Omg
0
Omg
Win Win
0
Win
Wtf Wtf
0
Wtf

Movie of the day – L’ARTE DEL SOGNO (Gondry, ’06)

Ne vuoi di più?
Seguici per rimanere sempre aggiornato!
Nascondi - Seguo già Ziqqurat

Login

Diventa parte della nostra community!

Resetta la tua password

Back to
Login