Jazz che nessuno ha richiesto

Un cortometraggio di Box Benny, a volte una canzone può rimanerti bloccata nel cervello e diventare un piccolo pezzo di musica indesiderato che si mantiene in loop nelle tue orecchie per il resto della giornata. I neurologi sostengono che le canzoni sono come pensieri incastrati che cerchiamo di eliminare, più forte cerchiamo di non pensare a loro e tanto più non possiamo farne a meno. Il fenomeno è anche conosciuto come Earworms, Jazz che nessuno ha richiesto è un inno a tutte quelle canzoni indesiderate là fuori, che hanno un posto dove andare. La musica che tormenta questo film, è l’incredibile brano swing jazz ‘Quaker City Jazz’ della ormai dimenticata band ‘Jan Savitt and his Top Hatters’ Nel 1937 sono stati il primo gruppo jazz caratterizzati da un cantante africano americano.

Potrebbero piacerti anche:

I più condivisi