Imaginary towns di Francesco Romoli

“Francesco Romoli non è solo un fotografo: le sue sembrano vere e proprie narrazioni per immagini, capaci di evocare sensazioni che solitamente ritroviamo nelle pagine di un libro o tra le scene di un film. Non è un caso, forse, che la sua raccolta più importante s’intitoli proprio Imaginary towns, richiamando, almeno parzialmente nel titolo, Le città invisibili di Italo Calvino. Romoli non si limita a fotografare angoli nascosti o periferici, il suo intento non è quello di far conoscere l’anima delle città catturandone i momenti più particolari, egli crea i suoi scenari. Si tratta, infatti, di vere e proprie riproduzioni in scala (diorami è il termine esatto) che propongono squarci di grande poesia e suggestione: luci calde che si stagliano su edifici spesso in rovina, scenari desolati a raccontare una contemporaneità fatta spesso di malinconia, immagini che sanno anche mescolare insieme l’attesa e la rassegnazione, personaggi che fronteggiano tutto questo, quasi come nuovi eroi chiamati a fare i conti con la solitudine. Non manca, però, la speranza, come quella che emerge dalla fotografia che abbiamo scelto per accompagnare quest’articolo: una coppia che, mano nella mano, affronta insieme il percorso che gli si staglia innanzi.”

Imaginary towns

Imaginary towns

Imaginary towns

Imaginary towns

Imaginary towns

Imaginary towns

Imaginary towns

Imaginary towns

Potrebbero piacerti anche:

I più condivisi