La simmetria, secondo Stanley Kubrick

Ecco un bel video che illustra abilmente come Stanley Kubrick utilizzasse nelle proprie inquadrature una simmetria ed un’attenzione maniacale per la prospettiva ed in particolare quella nella quale si trovavano i propri personaggi. Dai più famosi “2001: Odissea nello spazio“, “Shining“, “Arancia Meccanica“, “Full Metal Jacket“, “Il dottor Stranamore, ovvero come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba“, “Eyes Wide Shut” ai primi film del grande regista, le scene e le inquadrature sono studiate quasi millimetricamente per ottenere una simmetria perfetta fra le varie parti della scena. Sia che si tratti di oggetti, come i water di Full Metal Jacket, sia che si tratti di persone come Jack Nicholson in “Shining“, l’ordine delle cose è ordinato e coerente, e pone lo spettatore in uno stato di contemplazione della perfezione creata tramite la cellulosa e lo studio continuo della fotografia.

kubrick-simmetria

Il grande maestro del cinema, che è ben noto al pubblico per aver realizzato solamente 11 lungometraggi in 46 anni di carriera, è stato un punto di riferimento globale ed uno dei registi cardine della storia del cinema, anche grazie all’attenzione che poneva in fase di montaggio e per la fotografia innovativa che lo ha reso celebre in tutto il mondo. Kubrick infatti oltre che regista era anche direttore della fotografia, montatore e scenografo, ed era quindi in grado di realizzare queste inquadrature al limite della perfezione senza l’ausilio di altro personale specializzato.

fonte: vanillamagazine.it

Potrebbero piacerti anche:

I più condivisi