Per la prima volta i grandi dipinti classici arrivano ai non vedenti grazie alla stampa 3D


“Immaginate di non sapere come sia il sorriso della Monnalisa, o come siano i girasoli di Van Gogh. Immaginate di conoscerne l’esistenza solo perché ne avete sentito parlare dalle persone e non grazie a un’esperienza diretta. Per i milioni di non vedenti nel mondo, questa è una realtà”. Per questo è nato il progetto Unseen Art (traducibile con arte nascosta, non vista), ideato dal designer finlandese Marc Dillon il quale ha voluto portare i grandi dipinti dell’arte classica ai non vedenti, stampandone l’immagine in 3D e riproducendoli – con un materiale simile alla sabbia – secondo grandezza e qualità analoghe a quelle dei musei.
“Sarebbe una rivoluzione portare i ciechi nelle gallerie d’arte, loro le odiano perché lì non c’è nulla da poter toccare”, spiega il designer che inoltre sta raccogliendo fondi per creare un archivio on line in cui gli artisti possano presentare i loro lavori  in formato 3D, di modo che chiunque possa riprodurli con una stampante.
E’ possibile donare un aiuto concreto all’iniziativa, cliccando qui.
Il progetto segue la scia delle rivoluzioni tecnologiche inaugurate dalle stampanti 3D, come il caso della donna cieca incinta che ha potuto “vedere” l’ecografia del suo bambino.

classical-paintings-3d-printing-blind-feel-unseen-art-15 (1)

classical-paintings-3d-printing-blind-feel-unseen-art-17 (1)

classical-paintings-3d-printing-blind-feel-unseen-art-26 (1)

classical-paintings-3d-printing-blind-feel-unseen-art-27 (1)

classical-paintings-3d-printing-blind-feel-unseen-art-28 (1)

Ecco il video di Riikka che “vede” la Gioconda per la prima volta


La tua reazione?
Cute Cute
0
Cute
Geeky Geeky
0
Geeky
Grrrr Grrrr
0
Grrrr
Lol Lol
0
Lol
Love Love
0
Love
Omg Omg
0
Omg
Win Win
0
Win
Wtf Wtf
0
Wtf

Per la prima volta i grandi dipinti classici arrivano ai non vedenti grazie alla stampa 3D

log in

Become a part of our community!

reset password

Back to
log in